Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano

Introdurre prodotti di origine animale nell'Unione Europea

Regole per l'introduzione di prodotti di origine animale nell'UE

Il Regolamento (CE) n. 206/2009 ha introdotto delle nuove regole relative all'importazione nell'UE di prodotti di origine animale destinati al consumo personale da Paesi terzi (con l'eccezione di Andorra, Liechtenstein, Norvegia, San Marino e Svizzera).

Lo scopo della norma è di minimizzare il rischio di introduzione e della diffusione nell'Unione Europea degli agenti patogeni dell'afta epizootica, della febbre suina e di altre malattie pericolose per la salute degli animali o di malattie che possono essere trasmesse anche alle persone.

Ecco quanto prevede il Regolamento (CE) n. 206/2009:

In linea generale la carne, il latte ed i loro derivati non possono essere introdotti nell'UE da Paesi terzi (con l'eccezione di Andorra, Liechtenstein, Norvegia, San Marino e Svizzera). Non si possono quindi importare né i salumi né i formaggi, ma neanche i gelati se contengono latte o panna o i tortellini con un ripieno di carne. Si possono tuttavia introdurre le carni e i prodotti lattiero-caseari provenienti dalla Croazia, le Isole Færøer, la Groenlandia e l'Islanda, fino ad un limite di 10 kg a persona.

I viaggiatori possono portare con sé il latte in polvere per neonati, le preparazioni alimentari per i bambini, gli alimenti speciali necessari per ragioni mediche qualora la loro quantità non superi i 2 kg a persona, a condizione che si tratti di prodotti di marca destinati al consumatore finale nella loro confezione originale, che non debbano essere refrigerati prima del consumo. La confezione non deve essere aperta, a meno che non venga attualmente utilizzata. La stessa regola si applica agli alimenti per animali necessari per ragioni mediche. Qualora tali prodotti provengano da Croazia, le Isole Færøer, la Groenlandia o l'Islanda, la quantità massima è di 10 kg a persona.

Si applica la stessa regola per gli alimenti per animali necessari per ragioni mediche: i viaggiatori possono portarli con sé qualora la loro quantità non superi i 2 kg a persona.
Se tali prodotti provengono da Croazia, le Isole Færøer, la Groenlandia o l'Islanda, la quantità massima è di 10 kg a persona.

Prodotti della pesca:
Per l'importazione di prodotti della pesca (pesce fresco o conserve, crostacei ed altri frutti di mare, etc.) è stato stabilito un peso massimo di 20 kg. Il pesce fresco deve inoltre essere sventrato. Queste restrizioni non si applicano ai prodotti della pesca provenienti dall'Islanda o le Isole Færøer.

Gli altri prodotti di origine animale, come ad esempio il miele, possono essere introdotti fino ad una quantità massima di 2 kg. Se il loro Paese di provenienza è la Croazia, le Isole Færøer, la Groenlandia o l'Islanda, la quantità ammessa è di 10 kg.

Tabella riassuntiva:
Prodotto

Origine
Carne,
latte e i
loro
derivati
Latte in
polvere per
neonati,
alimenti
speciali
Prodotti
della pesca
Altri prodotti
di origine
animale
Croazia,
Isole Færøer,
Groenlandia
e l'Islandia
Fino a
10 kg
a persona
Fino a
10 kg
a persona
20 kg - niente
restrizioni per le
Isole Færøer,
la e l'Islanda
Fino a
10 kg a
persona
Altri
paesi
terzi
Divieto
d'importazione
Fino a
2 kg
persona
20 kg
Fino a
2 kg a
persona
*con eccezione di Andorra, Liechtenstein, Norvegia, San Marino e Svizzera
Attenzione:
Questi limiti non riguardano soltanto le scorte di prodotti di origine animale a carattere non commerciale che formano parte del bagaglio dei viaggiatori . Anche i pacchi spediti nell'UE a mezzo posta sono sottoposti a controlli indipendentemente dal fatto che si tratti di una merce proveniente da un commerciante a distanza (ad esempio un negozio on - line che vende prodotti alimentari di origine animale) o proveniente da un privato (la zia in Australia, che ha pensato di mandare un bel pacco con delle specialità australiane alla famiglia lontana).

Potete portare o inviare nell'UE quantità superiori di prodotti di origine animale solo se sono conformi ai requisiti previsti per gli invii commerciali, e cioè i requisiti di certificazione, secondo quanto stabilito nel corrispondente certificato veterinario ufficiale dell'UE e la presentazione delle merci, con l'adeguata documentazione, a un posto d'ispezione frontaliero dell'UE autorizzato per il controllo veterinario, all'arrivo nell'UE.

La normativa prevede anche delle eccezioni e possono essere introdotti:
il pane e le torte, i biscotti, il cioccolato ed altri dolciumi;
- la pasta, a meno che non abbia un ripieno a base di carne,
- gli integratori alimentari confezionati per il consumatore finale;
- estratti e concentrati di carne;
- olive ripiene di pesce;
- brodi per minestre e aromi confezionati per il consumatore finale;
- qualunque altro prodotto alimentare che non contenga né carne né latte ed abbia inoltre un contenuto di uova o di prodotti della pesca inferiore al 50%.

Per quanto riguarda i prodotti animali di specie protette possono esservi delle restrizioni aggiuntive. Ad esempio, per il caviale delle specie di storione, il limite di peso è di 125 grammi a persona.

Maggiori informazioni ed un video informativo in 35 lingue sono disponibili sul sito della Commissione Europea.

situazione al 6/2010