Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano
  indietro

31.01.2020

Brexit - Goodbye Britain: Quali sono le conseguenze per i consumatori che viaggiano nel Regno Unito?

 
Dopo diversi rinvii, è giunto il momento: il 31 gennaio 2020 la Gran Bretagna lascerà l'UE. Sono molte le cose da chiarire a proposito delle future relazioni tra l'UE e la Gran Bretagna. Il Centro Europeo Consumatori ha riassunto le informazioni più importanti per i consumatori.

Periodo di transizione

Anche se il Regno Unito a partire dal 1° febbraio 2020 non sarà più membro dell'UE, le future relazioni tra l'UE ed il Regno Unito non sono ancora state definite. Ciò significa che il 1° febbraio 2020 inizierà una fase di transizione, che - allo stato attuale - dovrebbe terminare al più tardi entro il 31 dicembre 2020: nei prossimi mesi l'UE ed il Regno Unito dovranno negoziare le loro future relazioni a lungo termine. Se durante questo periodo di transizione non ci sarà un accordo tra l'UE ed il Regno Unito, potrebbe esserci un'estensione di questo periodo oppure anche una cosiddetta "no deal-brexit", cioè un ritiro dall'UE senza un accordo.

Diritti dei Passeggeri

Per il momento, il diritto dell'UE rimane applicabile nel settore dei diritti dei passeggeri. Di conseguenza, inizialmente non dovrebbe cambiare nulla per i consumatori che viaggiano in aereo, in treno, in autobus o in traghetto. Tuttavia, non è chiaro se queste norme, di cui i passeggeri godono grazie all'UE, saranno applicabili dopo il periodo di transizione.

Requisiti per l'ingresso

Sebbene il Regno Unito fosse stato un membro dell'UE, non ha mai fatto parte dell'area Schengen. Pertanto non è comunque stato possibile viaggiare nel Regno Unito senza una carta d'identità o un passaporto valido. Questo regolamento per il momento verrà mantenuto. Tuttavia, non è ancora chiaro se sarà necessario un visto e/o un passaporto per recarsi nel Regno Unito dopo questo periodo di transizione.
I requisiti necessari per l'ingresso dei cittadini italiani in tutti i Paesi del mondo sono consultabili sul sito della Farnesina http://www.viaggiaresicuri.it/.
L'Ambasciata d'Italia a Londra ha inoltre istituito una pagina informativa sulla Brexit: https://amblondra.esteri.it/ambasciata_londra/it/informazioni_e_servizi/brexit.
In caso di dubbio, verificate sempre prima del vostro viaggio quali documenti vi serviranno per l'ingresso (in Gran Bretagna)!

Assicurazione sanitaria internazionale

Fino alla fine del periodo di transizione, la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM) dovrebbe mantenere la validità anche nel Regno Unito. La TEAM dà diritto alle cure mediche necessarie alle stesse condizioni previste per i cittadini del Paese in cui si trova. Non è chiaro se questa disposizione verrà mantenuta anche dopo la fine del periodo di transizione. In caso contrario, sarà importante stipulare un'apposita assicurazione sanitaria prima di recarsi nel Regno Unito.

Spese di roaming

L'entusiasmo è stato grande quando le tariffe di roaming sono finalmente state abolite dall'UE nel giugno 2017. Per i consumatori che si recano nel Regno Unito dopo la fine del periodo di transizione, è possibile che l'uso dello smartphone diventi di nuovo piuttosto costoso, laddove il Regno Unito decidesse di rinunciare al Regolamento dell'UE sul roaming.

Conclusione

Durante il periodo di transizione non dovrebbero esserci cambiamenti di rilievo per i consumatori. Tuttavia, c'è grande incertezza su cosa accadrà dopo il periodo di transizione. È possibile che i consumatori dell'UE non possano più fare affidamento sull'elevato livello di protezione dei consumatori che si applica agli acquisti e ai viaggi all'interno dell'UE quando si recano nel Regno Unito.

Link utili sull'argomento della BREXIT




Bolzano, 31/01/2020
Comunicato stampa


 

  indietro