Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano
  indietro

12.02.2016

San Valentino 2016 - Altoatesini alla ricerca dell'amore?

 
Portali d'incontri online, agenzie matrimoniali, chat per singles; per le consulenti del Centro Europeo Consumatori (CEC) Bolzano è chiaro: si tratta di imprese volte al guadagno come tutte le altre, anche se "gli affari di cuore" e i rispettivi contenuti contrattuali sono spesso ardui da definire.

Il consumatore che si rivolge al CEC di Bolzano con domande riguardanti agenzie per cuori solitari e siti d'incontri è solitamente titubante nel chiedere informazioni relative al contenuto del suo reclamo. Si tratta infatti di un argomento di cui non si parla volentieri con altri, anche se in fin dei conti le consulenti si occupano "solo" della parte contrattuale di questi servizi, ovvero dell'adempimento del contratto e del diritto di recesso.

"Anche se, in quanto consulenti legali, trattiamo il caso da un punto di vista giuridico, siamo consapevoli del fatto che questo è un ambito, che, come solo pochi altri, penetra profondamente nella sfera privata del consumatore", spiega il team del CEC. "Malgrado ciò, o probabilmente proprio per questo, cerchiamo di rendere chiaro al consumatore – soprattutto quando si tratta di contratti con le 'classiche' agenzie matrimoniali - che il nostro lavoro non consiste nel constatare che il consumatore deluso non ha trovato nessun partner attraverso l'agenzia, quanto nel verificare se l'agenzia non sia contravvenuta – in tutto o in parte – all'obbligo contrattuale, ed in tal caso chiedere per il consumatore una riduzione dei costi ovvero una completa cancellazione del conto da pagare", riporta una consulente.

Se rispetto ai siti di incontri online il consumatore rimane solitamente più scettico e non mostra alte aspettative, quando si iscrive ad una classica agenzia d'incontri le sue aspettative diventano molto più concrete, riponendo dunque grande fiducia nell'operato dell'agenzia. Ciò dipende innanzitutto dal fatto che i costi di tale contratto sono più elevati rispetto a quelli previsti dai portali online, nonchè dalle abili tattiche adottate dalle agenzie durante i colloqui con i consumatori, in modo da suscitare in questi ultimi forti speranze di poter trovare il partner perfetto.
È quindi anche compito del CEC informare il consumatore sulla nozione di inadempimento del contratto in questi casi. E quindi, un unico incontro, a cui non seguono altri per mancanza di sintonia o simpatia, risulta essere una presa di contatto conforme al contratto e quindi un servizio da pagare all'agenzia. Al contrario, dovrà valutarsi diversamente dal punto di vista giuridico il caso in cui al consumatore vengano forniti i contatti di un possibile partner, il quale per esempio esclude già dapprima la classe lavorativa di quest'ultimo, ovvero gli venga fornito il contatto di un'altra persona, che in realtà non è più cliente dell'agenzia. In tal caso non persiste l'obbligo di pagamento per il consumatore, e si tratta di un inadempimento dell'agenzia la quale avrebbe dovuto verificare la situazione prima di inoltrare il contatto.

"I consumatori che si rivolgono a noi con domande rispetto ai portali d'incontri online, chiedono spesso delle modalità di recesso e dei servizi inclusi nel loro contratto a pagamento. Fare chiarezza su tali questioni non è però sempre così facile neanche per noi consulenti", spiega il team del CEC.

In conclusione si può dire: si tratta di una faccenda privata, la quale però si fonda su un contratto e che, in quanto tale, viene trattato dal Centro Europeo Consumatori di Bolzano.

Per ulteriori informazioni contattare il Centro Europeo Consumatori via telefono al numero 0471/980939 oppure via email all'indirizzo info@euroconsumatori.org.

Bolzano, 12/02/2016
Comunicato stampa

 

  indietro