Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano


18.04.2013 - Acquisti di tappeti, gioielli e pelletteria durante viaggi in Turchia

Durante le vacanze in Turchia spesso vengono organizzate visite guidate a fabbriche di tappeti, gioielli o pelletteria, durante le quali i consumatori vengono sollecitati ad acquistare questi prodotti. Ma una volta rientrati dalla vacanza da sogno si realizza che "il tappeto non è davvero volante": il tappeto persiano acquistato a carissimo prezzo in Italia costa la metà.

03.04.2013 - Discriminazioni di prezzo nella prenotazione di crociere

Negli ultimi mesi il Centro Europeo Consumatori (CEC) Austria ha ricevuto diverse lamentele riguardanti una compagnia di navigazione italiana: la stessa crociera veniva offerta in Austria a prezzi molto più elevati che in Germania.

18.03.2013 - Nuove misure per rafforzare i diritti dei passeggeri del trasporto aereo

La Commissione europea ha recentemente annunciato un pacchetto di misure destinate a garantire ai passeggeri del trasporto aereo nuovi e migliori diritti in materia di informazione, assistenza e imbarco su un volo alternativo quando rimangono a terra.

05.03.2013 - Più diritti per chi viaggia in autobus

Ci sono delle novità per quei consumatori che per i loro viaggi nell'UE scelgono corriere e pullman: lo scorso 1° marzo è entrato in vigore il Regolamento UE 181/2011 che prevede nuovi diritti per i passeggeri nel trasporto effettuato con autobus con una frequenza determinata e su un itinerario determinato e in cui l'imbarco e lo sbarco dei passeggeri hanno luogo presso fermate prestabilite.

18.12.2012 - Settimana bianca - l'incidente sulla pista può costare caro

Il signor Rossi di Milano è appassionato di sci e anche quest'anno prenota una settimana bianca, questa volta in Austria, dove la neve c'è sempre. Ma questa volta non tutto fila liscio: una piccola disattenzione e il signor Rossi cade, si infortuna e deve essere recuperato in elicottero. L'incidente non ha conseguenze gravi e dopo un paio di giorni di ospedale il signor Rossi può fare rientro a casa. Un paio di settimane dopo ecco però la brutta sorpresa: l'elisoccorso gli manda una fattura di oltre 3000 Euro.