Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano
  indietro

18.06.2014

Attenzione alle spam - in circolazione e-mail contenenti bollette telefoniche fasulle

 
Negli ultimi giorni sono giunte al Centro Europeo Consumatori (CEC) di Bolzano diverse segnalazioni riguardanti e-mail aventi ad oggetto richieste di pagamento da parte di presunti operatori telefonici con sede in Germania. Le e-mail non sono identiche fra loro, varia ad esempio l'importo richiesto; in comune hanno invece un link pericoloso: un'invito a scaricare un file contentente la fattura vera e propria.

Sono ormai moltissimi i siti in lingua tedesca che esortano i consumatori a diffidare da queste e-mail, e gli stessi operatori telefonici - quelli veri - avvertono di fare attenzione a non cadere nella trappola delle bollette fasulle (Telekom e Vodafone).

Le spam però non si fermano al confine nazionale ed anche molti consumatori altoatesini hanno ricevuto delle e-mail apparentemente provenienti da parte di Deutsche Telekom e Vodafone Germania. Anche se di regola un consumatore altoatesino non è cliente di uno degli operatori in questione, qualcheduno si è lasciato ingannare dalla grafica che sembra autentica ed ha cliccato sul link. Un'altra variante della stessa e-mail invece dei link contiene un allegato in formato ZIP o PDF: aprendo l'allegato o cliccando il link si rischia la contaminazione del proprio computer con virus e "cavalli di Troia".

La maggior parte dei consumatori che si sono rivolti al CEC si sono immediatamente accorti della natura truffaldina di questa e-mail e spesso anche gli antivirus dei loro computer hanno riconosciuto il pericolo impedendo l'apertura dell'allegato.

Non ci stanchiamo di ripetere di prestare massima attenzione sia ai link nelle e-mail che negli SMS: si rischia infatti di essere dirottati su siti in grado di installare sull'apparecchio usato programmi spia-dati oppure su siti che inducono l'utente ad inserire spontaneamente i propri dati sensibili (tra cui ad esempio i codici d'accesso al conto bancario o alla carta di credito).

Chiunque riceva e-mail di questo tipo le deve quindi cancellare ed in nessun caso deve aprire l'allegato. È bene che ogni computer sia protetto da un buon antivirus aggiornato. Misure precauzionali dovrebbero essere prese anche per proteggere il proprio conto bancario in modo tale da controllare i movimenti e denunciare immediatamente quelli insoliti alla banca.

Per maggiori informazioni relativi a questo argomento potete contattare il Centro Europeo Consumatori al numero 0471 980939 o all'indirizzo e-mail info@euroconsumatori.org.


Bolzano. 18/06/2014
Comunicato stampa

 

  indietro