Cofinanziato
dall'Unione Europea
Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia ufficio di Bolzano
  indietro

01.06.2016

Il Centro Europeo Consumatori Italia - Ufficio di Bolzano prende in esame le assicurazioni di viaggio

 
Chi si appresta a viaggiare farebbe bene anche ad armarsi a dovere contro i possibili imprevisti

Se si ha bisogno di un medico in vacanza, ovvero se si vuol rinunciare al viaggio all'ultimo momento oppure subito dopo aver prenotato: per affrontare al meglio questi imprevisti è possibile stipulare un'assicurazione di viaggio. Il Centro Europeo Consumatori (CEC) Italia – Ufficio di Bolzano ha esaminato e comparato alcune assicurazioni di viaggio italiane, tedesche, austriache ed una inglese.

Premesso che un consumatore italiano può stipulare un'assicurazione straniera (le condizioni generali delle assicurazioni regolano solitamente questi casi), il CEC – Ufficio di Bolzano ha ipotizzato di trovarsi nei panni di un consumatore alla ricerca della assicurazione di viaggio più adatta alle proprie esigenze ed ha poi riassunto i risultati in una tabella. (v. Tabella)
Le collaboratrici del CEC hanno esaminato le offerte presenti in Internet per il seguente profilo:
il viaggiatore tipo del CEC ha 40 anni, ha prenotato un viaggio di due settimane (dal 4 al 18 Luglio) in Thailandia spendendo 1000 Euro e vuole acquistare un pacchetto assicurativo senza franchigia che sia incentrato sui casi di malattia e recesso.
“Eravamo consapevoli del fatto che effettuare un tale confronto tra assicurazioni di viaggio non sarebbe stato per niente facile, poiché confrontare i prezzi delle singole polizze non basta certamente, in quanto abbiamo potuto subito constatare come tali prezzi abbiano in realtà molto poco a che fare con il contenuto delle prestazioni assicurative” chiarisce una consulente del CEC e prosegue: “tuttavia, da tale confronto abbiamo ottenuto anche delle informazioni inaspettate e molto interessanti. Abbiamo inoltre constatato che vale la pena contattare telefonicamente ovvero per email (e quindi non demordere!) la società di assicurazione, anche nel caso in cui l'assicurazione dovesse apparire a prima vista non stipulabile da parte di consumatori residenti in Italia”.
Di seguito il riassunto del CEC Italia – Ufficio di Bolzano sul confronto effettuato:
I prezzi per la polizza di un viaggio in Thailandia di due settimane a Luglio si aggirano intorno ai 69,71 Euro con una compagnia di assicurazione inglese e sui 169 Euro con una compagnia italiana. Anche i pacchetti proposti dalle assicurazioni tedesche, che si attestano su 101 e 104 Euro, appaiono più economici di quelli offerti dalle compagnie italiane. Forse il pacchetto offerto da quest'ultime contiene maggiori prestazioni? Neanche. In particolar modo rispetto ai massimali di costo nel settore delle prestazioni per malattia, le assicurazioni italiane offrono dei massimali di 500.000 e 200.000 Euro, dunque abbastanza sotto la media. (v. Tabella)
Si è inoltre notato che nei pacchetti assicurativi delle compagnie italiane non è contenuta la protezione in caso di recesso, che pertanto può essere aggiunta solo dietro pagamento di un sovrapprezzo ovvero mediante stipulazione di un'apposita polizza.
Anche se questo modesto confronto non ha la pretesa di fornire un quadro esaustivo né sulle assicurazioni nè su tutte le prestazioni che potrebbero essere previste tramite un pacchetto assicurativo, si possono comunque trarre le seguenti conclusioni:
Vale in ogni caso la pena farsi un giro virtuale anche all'estero per ricercare le assicurazioni più convenienti. Una volta individuata un'offerta interessante – in relazione alle esigenze e necessità della persona da assicurare – è opportuno contattare l'offerente per chiarire gli eventuali punti oscuri e poter avere un quadro più chiaro e completo sull'offerta.
Qui trovate una lista di consigli pratici da seguire se volete stipulare un'assicurazione di viaggio.

Pertanto il CEC – Ufficio di Bolzano vi augura buon viaggio e rimane a disposizione per ulteriori informazioni. Potete scriverci a info@euroconsumatori.org oppure chiamarci allo 0471980939.

Bolzano, 01/06/2016
Comunicato stampa

 

  indietro